Ultimo aggiornamento del sito: 22 aprile 2015

Istanza Replica Risposta terreno-CasaMacchiaTonda

Home  »  Istanze  »  Istanza Replica Risposta terreno-CasaMacchiaTonda
ago 25, 2011 Commenti disabilitati admin
 AL RESPONSABILE DEL III DIPARTIMENTO – AREA TECNICA –
ARCH. LUIGI MORETTIP.C. AL SEGRETARIO COMUNALE DOTT.SSA CRISTIANA MICUCCI

 

Oggetto: Oggetto: istanza ai sensi dell’art. 43, 2° comma, del d. lgs. 267 del 2000.Il sottoscritto Consigliere Comunale Dott. Alessandro Ristich, in relazione alla risposta che la S.V. ha dato con nota prot. n. 6660 del 20.04.2011 ad istanza prot. n. 961 del 20.01.2011, peraltro reiterativa di altra precedente istanza prot. n. 20145 del 15.12.2010, considerato che in detta risposta si riconosce la fondatezza degli elementi di fatto riportati nell’istanza, atteso inoltre che la S.V. riconosce che l’atto d’obbligo di cui all’istanza è produttivo d’impegno che si estende anche “ad eventuali lotti risultanti dal frazionamento del lotto originario”, constatato quindi che nel terreno di cui all’istanza, esteso 11.220 metri quadri, a tenore di atto d’obbligo sarebbe dovuto conseguentemente sorgere uno e un solo edificio residenziale, mentre ne sono sorti due, come si evince immediatamente dalla visione della planimetria del foglio di mappa 19 e dalla visura catastale delle due relative particelle al N.C.E.U., letti l’articolo 27, 1° comma, del d.P.R. n. 380/2001, a tenore del quale il dirigente o il responsabile del competente ufficio comunale “esercita […] la vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia nel territorio comunale per assicurarne la rispondenza alle norme di legge e di regolamento, alle prescrizioni degli strumenti urbanistici […]”, nonché l’art. 30, 1° comma, del medesimo d.P.R., CHIEDE alla S.V. di sapere se sia stato dalla S.V. avviato, come sembra doveroso, “un procedimento con i relativi adempimenti istruttorii” in relazione a quanto emerge dai dati di fatto richiamati nell’istanza e alla discrasia venuta a crearsi tra la situazione di fatto e le previsioni contenute nello strumento urbanistico, sulla destinazione del terreno di cui si tratta, e nell’atto d’obbligo.

Capena, 25-08-2011

Alessandro Ristich
Consigliere Comunale
Capogruppo “Il Maestrale”