Ultimo aggiornamento del sito: 22 aprile 2015

Istanza su Parcheggio strada delle fornaci

Home  »  Istanze  »  Istanza su Parcheggio strada delle fornaci
ago 30, 2011 Commenti disabilitati admin
 ALL’ASSESSORE LAVORI PUBBLICI
SIG. GIUSEPPE BRACCIOAL RESPONSABILE DEL III DIPARTIMENTO – AREA TECNICA –
ARCH. LUIGI MORETTI

P.C.

AL SINDACO DEL COMUNE DI CAPENA
DR.SSA ANTONELLA BERNARDONI
PIAZZA SAN LUCA N.1
00060 CAPENA ( RM )

AL SEGRETARIO COMUNALE
DOTT.SSA CRISTIANA MICUCCI

Il sottoscritto Consigliere Comunale Ristich Alessandro, Capogruppo de “Il Maestrale”-vista la deliberazione di giunta n°103 del 14/10/10 relativa ad APPROVAZIONE STUDIO DI FATTIBILITA’ LAVORI DI “MANUTENZIONE E MESSA IN SICUREZZA RUPE STRADA DELLE FORNACI”;

-visto che il costo complessivo dell’opera è di € 150.000,00;

-considerata la relazione geologica del 20/07/00 del Geologo Dott.ssa Lorella Salvatori relativa al progetto del parcheggio pubblico in questione che raccomanda “di realizzare la struttura parcheggio su fondazioni indirette tipo pali lunghi minimo 12 m in modo da trasferire i carichi assiali alle marne argillose di genesi marina che costituiscono il bedrock dell’area e che risultano caratterizzate da buoni parametri geomeccanici” e che consiglia, inoltre, “in considerazione dei lineamenti geomorfologici nei quali si inserisce l’edificio del parcheggio, di prevedere, in fase progettuale, interventi per una sistemazione idrogeologica dell’area (scoline di smaltimento delle acque superficiali, risagomatura della morfologia, opere di drenaggio) al fine di evitare che si verifichino nell’area, durante i periodi piovosi, fenomeni di dilavamento e smottamento superficiale della coltre di terreno di riporto”;

-considerato che i problemi riscontrati dopo la costruzione del parcheggio sono stati quelli previsti dal geologo in mancanza delle opere dallo stesso consigliate;

-considerato che nella suddetta deliberazione di giunta si espone che “l’area interessata presenta”;

-considerato che nella nuova relazione geologica dell’Aprile 2010 fatta per il progetto di manutenzione il Geologo Dott. David Simoncelli conclude che “le problematiche geomorfologiche superficiali riscontrate sono dovute alle elevate acclività della scarpata antropica determinate dalla realizzazione della Strada delle Fornaci e legate alle precipitazioni meteoriche, ovvero all’imbibizione dei terreni di natura limo sabbiosa e dei terreni superficiali di riporto” e perciò ritiene necessario di “regimare e diminuire per quanto possibile la presenza di acque meteoriche sul tratto di versante esaminato, mediante il coinvolgimento delle acque provenienti dai dreni del muro, la realizzazione di cunette lungo la sede stradale e verosimilmente impermeabilizzando la superficie del parcheggio”; di “ realizzare una paratia in pali di castagno, da infiggere fino ove possibile mediante mezzo meccanico, da vincolare in testa con filo metallico, da porre a valle della sede stradale (a circa 2.0 metri di distanza dal ciglio) per una lunghezza dell’ordine dei 25 metri”; di “realizzare nel settore di monte della sede stradale, ad una distanza di circa 2.5 metri fra loro per una lunghezza complessiva prossima ai 40 m, dei micropali mediante armature tubifix di altezza totale pari a 8.0 m (diam. Minimo 114 mm, sp. 1.0 mm) delle quali 5.0 m infisse nel terreno e 3.0 m fuori terra, vincolati in testa da micropali ( tubifix diam. 88.9 mm; sp. 8.0 mm) inclinati, di circa 30° rispetto all’orizzonte ( tiranti passivi), di lunghezza totale pari a 7.0 m. Nello spazio fra tubo e tubo potranno essere posti pali di castagno di adeguato diametro”;

-tenuto conto che i lavori consigliati dal primo geologo e quelli stabiliti dal secondo, come si può evincere dalle due relazioni, sono pressoché gli stessi;

-considerato che tali lavori non sono stati effettuati creando così all’opera del parcheggio le problematiche riscontrate;

-tenuto conto che il costo dei lavori eseguiti in secondo tempo è nettamente superiore rispetto al costo che si sarebbe avuto se i lavori fossero stati fatti durante la realizzazione dell’edificio in questione;

-tenuto conto che le responsabilità ricadono sull’allora Direttore dei Lavori, sul Responsabile dei Lavori Pubblici e sull’allora Assessore ai LL. PP.;

CHIEDE

per quali motivi non siano stati eseguiti allora i lavori prestabiliti;

per quale motivo i lavori di manutenzione debbano essere pagati con i fondi a disposizione dell’Amministrazione (cioè dei cittadini) quando la responsabilità è di chi seguiva i lavori dalla progettazione fino alla realizzazione;

che vengano individuati i responsabili della suddetta mancanza in modo da non far ricadere le spese dei lavori sui fondi pubblici.

Si richiede risposta scritta.

Capena, 30-08-2011

Alessandro Ristich
Consigliere Comunale
Capogruppo “Il Maestrale”