Ultimo aggiornamento del sito: 22 aprile 2015

Storia assolutamente inventata delle ultime elezioni

Home  »  Angolo della satira  »  Storia assolutamente inventata delle ultime elezioni
mag 20, 2012 Commenti disabilitati admin

Sono ormai passati alcuni mesi dalle ultime elezioni ma l’eco è ancora talmente forte che la maggioranza di Capena, cioè quella che ha perso, si sta ancora chiedendo : “ma come è possibile che le stesse persone che hanno lasciato Capena in questo stato siano ancora lì? “ , “ Come è possibile che abbiano vinto?”.
In realtà… la stessa giunta se lo sta ancora chiedendo. E’ ancora attonita di fronte ad un risultato che riteneva impossibile: non erano nemmeno pronti ad una evenienza del genere tanto è vero che quando glielo hanno comunicato…si sono ricordati che…accidenti ..andava fatta la giunta…e ora? Che facciamo?
Erano talmente meravigliati che al primo consiglio comunale, di fronte ad un’opposizione che faceva notare come ..da legge e da prassi …la giunta non era stata presentata e Capena era ancora senza un governo ( vabbè..da questo punto di vista non si notava la differenza) una balbettante neo – sindaco giurava che ….era tutto pronto ma….aveva dimenticato il foglietto, era colpa della fretta, della pioggia, della crisi economica…e poi ….c’era stato l’11 settembre e quindi un po’ di ritardo era normale etc.
Le cose però …non sono state proprio molto chiare.
Strane e malevoli voci parlano di una lista ( la n°1) che aveva praticamente perso …ma …che aveva in serbo un colpo di coda.
Quelli che l’avrebbero votata… per interessi personali ( del tutto legittimi per carità) per simpatia, per parentela…. o per la passione per il masochismo e l’autoflagellazione…ebbene…non sarebbero stati probabilmente sufficienti.
Al che….ecco il colpo di genio: con un colpo di teatro masse di stranieri, confusi….e che neanche parlano bene l’italiano diventavano un giorno prima, il giorno stesso ….cittadini capenati con diritto di voto, con buona pace di Maroni e Calderoli.
Veniva reclutato e portato al seggio …davvero di tutto: giunge voce del tentativo di far votare un olmo ed un ficus benjamino con la scusa che…però…erano nati in un vivaio di Capena, tentando addirittura di spacciare la loro scheda botanica per regolari documenti.
Un rappresentante della lista vincente ha addirittura portato personalmente un’intera collezione di nani da giardino sottratti in una villetta ai Pastinacci tentando di farli passare per regolari elettori ma..il massimo è stato raggiunto con quei poveri e confusi stranieri trascinati ai seggi come in un esodo Biblico.
Voci malevole, cattive e sicuramente false e non confermabili parlano di un biglietto messo nelle mani di ognuno di loro con una sola frase che veniva sussurrata guardandoli negli occhi: “ Mi raccomando..ora sai per chi votare!”.
Ingenuamente…i poveri stranieri che nulla sanno di Capena e delle decennali peripezie …si convincevano che il biglietto fosse il classico “santino” con l’indicazione del candidato da votare.
In preda alla confusione….vanno in cabina scrivendo sulla scheda il nome del candidato accanto alla lista n°1 …ed ecco che i presidenti di seggio, durante lo scrutinio, scoprono che il candidato più votato ( oltre 200 preferenze!) è un certo sig. “ 50 euro”.
Incredibile… queste malelingue…si inventano di tutto.
E non finisce qui… sembra che abbiano addestrato stuoli di zanzare tigre che si recavano in tutti i giardini di Capena e, come le Frecce tricolori, disegnavano nell’aria un perfetto:
“ ce ne andiamo solo se voti la lista numero 1 !”.
Comunque …ormai è fatta.
Certo …la neo sindaco non ci fa proprio una gran figura
In realtà…l’ex –sindaco sembra il vero “ presidente del consiglio” e lei …solo la “Escort”.
Oddio…detto con grande simpatia, vista l’avvenenza di Patrizia D’Addario…più che una
“ Escort” la neo-sindaco sembra più una “Fiat Duna” e vista …l’età .. più che una “Escort” è più…una “Passat” ..però…l’effetto è comunque quello del “sindaco –immagine”.
In questa storia…del tutto inventata e senza alcun fondamento di verità …resta una certezza: noi ci terremo ancora per un po’ …i soliti noti e…tutti gli stranieri che uscivano dal seggio …hanno preteso di tenersi stretto stretto quello strano ma piacevole “ santino elettorale”.